skip to Main Content
Welcome Day A Spino D’Adda

Welcome day a Spino D’Adda

Durante la giornata di Venerdi 06/09/2019, nel nuovo Headquarters di Spino D’Adda sono stati installati gli erogatori d’acqua, dai quali i dipendenti del gruppo potranno prelevare gratuitamente acqua naturale e gassata.

Questo progetto, si inserisce in un piano di più ampio respiro per Bomi, che porta avanti il tema della #sostenibilità come una opportunità da cogliere.

L’autista Stefano riceve il Welcome Kit.

L’iniziativa dell’acqua gratuita, ad oggi attiva nella sede principale per oltre 150 dipendenti, sarà poi estesa a tutte le altre filiali italiane. Durante il Welcome Day, sono stati distribuiti a ogni dipendente i thermos brandizzati, utili a ridurre l’impatto ambientale causato dall’utilizzo di plastica.

Così come è stato ricordato anche durante l’evento, è stato stimato che in Italia vengono consumate oltre 400 bottigliette di plastica per abitante. Inoltre anche come riporta il report di WWF , “86 milioni di tonnellate di plastica navigano nei nostri oceani

Welcome Kit Bomi Group nel segno della sostenibilità ambientale.

Marco Ruini – CEO – ha introdotto l’evento ricordando che “per Bomi Group la sostenibilità è uno dei pilastri della strategia aziendale”. Ha voluto poi ricordare che “Siamo pronti a continuare la nostra missione in uno spazio nuovo, all’avanguardia e sempre più sostenibile”.

Bomi Group da oltre un anno ha intrapreso un percorso di “Sostenibilità” seguendo un approccio “triple bottom line”. Durante l’evento sono stati ricordati alcuni dei progetti che Bomi Group sta portando avanti e del percorso che ha fatto per ottenere il marchio di “Logistica Sostenibile”.
Anche il nuovo Headquarter a Spino D’Adda ha forti temi legati alla materia della sostenibilità: ad esempio la riduzione generale del numero di navette tra altri siti logistici in Lombardia genererà un risparmio di circa 60 tonnellate di emissioni di CO2 all’anno.

Soraya Espejo – Global Director | HR – ha concluso sottolineando che “bastano pochi accorgimenti e dei piccoli gesti quotidiani per vivere in un ambiente sano e sostenibile.” Ha terminando chiedendo la partecipazione attiva di tutti i dipendenti.

Back To Top