skip to Main Content
We Celebrate Women’s Successes: Interview To LIDIA GÓMEZ, CFO Of BOMI GROUP In IBERIA.

We celebrate women’s successes: Interview to LIDIA GÓMEZ, CFO of BOMI GROUP in IBERIA.

Lidia Gómez è laureata in Economia aziendale e Direzione presso l’Università Rey Juan Carlos, specializzata in Contabilità e Fiscalità.

Proviene dall’area logistica di Fagor e ha una vasta esperienza nella consulenza fiscale e contabile; ha iniziato la sua carriera in Decopharma (ora Bomi Group) nel 2015 nell’area contabilità e successivamente, nel 2019, è stata nominata CFO.

 

Secondo la tua esperienza, la logistica è più un mondo di uomini?

Questa è una domanda un po’ trabocchetto, in maniera generale, se pensiamo a un operatore di magazzino o a un autista sono solitamente figure maschili. Socialmente è stato associato a settori tipicamente maschili, ma chi ha detto che le donne non sono presenti? Attualmente, il 20% degli operatori di magazzino di Bomi Group sono donne. Nell’area finanziaria la proporzione è invertita e il 25% sono uomini.
E in termini generali, possiamo dire che il top management è egualmente suddiviso tra donne e uomini. Il dipartimento di People and Culture ha anche lanciato iniziative per promuovere la diversità e l’inclusione in tutte le aree dell’azienda. Cerchiamo i migliori talenti con la migliore formazione, indipendentemente dal sesso.

 

Ti sei mai sentita discriminata per essere una donna?

Non per essere una donna. Ma mi sono sentita sminuita per essere giovane. Uno dei modi di Bomi Group per raggiungere gli Obiettivi di Sostenibilità è la strategia Employee Centricity.  BOMI Group tende a promuovere un ambiente armonioso per il personale, mettendo a disposzione anche linee guida per affrontare tutti i tipi di discriminazione.

 

Qual è il ruolo della gestione finanziaria nelle aziende del settore logistico?

L’economia muove il mondo; qualsiasi tipo di azione ha una conseguenza. Nel settore dei servizi, qualsiasi azione deve essere compensata, finanziariamente o tramite qualsiasi altro servizio. Per me, il team finanziario è come l’equilibrio dell’azienda. Deve garantire i migliori risultati finanziari per sé e deve mantenere soddisfatto il fornitore / lavoratore. Lavoriamo come una catena ben oliata con le altre aree ed è così che facciamo funzionare tutto perfettamente.

 

Quali obiettivi avete definito per il 2021?

Il primo è la sostenibilità dell’azienda, in tutti i sensi (dipendenti, clienti, ambiente …) e il secondo è chiaro: ottenere profitto! Siamo di fronte a una situazione globale senza precedenti, ma dobbiamo continuare a lavorare sodo e ora più che mai il nostro settore deve funzionare perfettamente. Non solo per ragioni finanziarie, ma anche per ragioni sociali e per supportare l’intero settore sanitario.

 

Quali problemi possono sorgere?

Tutte le aziende misurano la propria redditività; se non c’è profitto, l’azienda non è sostenibile. Se le informazioni finanziarie non sono corrette, sarà difficile scegliere tra diverse alternative di sviluppo aziendale. Se i dati utilizzati sono incompleti o inadeguati, sarà difficile rilevare i problemi per tempo e non sarà possibile attuare le necessarie misure correttive. Tieni inoltre presente che Bomi Group sta crescendo in tutto il mondo in infrastrutture, personale e servizi.

 

Finanza nella logistica?

Dipende un po’ dall’area che stai analizzando: nel mondo dei trasporti, con margini sempre più stretti e soprattutto con molte pressioni finanziarie dovute al boom dell’e-commerce, c’è una parte del lavoro di Finance che è quello di “pulire” quell’immagine e rendere tutto più trasparente e farlo fluire meglio.

D’altra parte nel mercato farmaceutico, o nel mondo del health tech, invece, tutto cambia. Tutto è curato nei minimi dettagli e l’importante è fornire al paziente il trattamento giusto in modo tempestivo. Tutto questo avviene lungo una filiera complessa con più agenti con i quali interagiamo e siamo in stretto contatto.

 

Nell’attuale clima economico, la gestione del capitale umano è diventata complessa e decisiva. Come affronta Bomi questa situazione?

In Bomi non abbiamo apportato adeguamenti del personale a causa della crisi; infatti, crediamo che il capitale principale di cui disponiamo sia il capitale umano, le persone vengono prima ed è così che le trattiamo. Gli adeguamenti dell’azienda e il risparmio sui costi sono avvenuti in altri modi, come la riduzione delle scorte dell’azienda o la rinegoziazione delle commissioni con i principali fornitori. Questo ci ha permesso di mantenere la nostra forza lavoro in una fase cruciale per la crescita.

Back To Top